CHI RIMPIANGEREMO ?

Buongiorno amici miei.

Come state ?

Ieri mattina, appena mi sono alzato, sono andato a vedere, com’è mio solito fare, tutti i giornali possibili online, perché voglio sempre sapere cos’è è successo nel mondo mentre io stavo tranquillamente dormendo.

Bene, purtroppo sono venuto subito a conoscenza della morte del grandissimo Muhammad Ali, leggenda del pugilato mondiale e morto all’età di 74 anni per un problema respiratorio, dopo aver combattuto per oltre 30 anni contro il Parkinson.

È da quando ho letto questa notizia che nella mia mente si ripetono tante domande, ma che alla fine hanno sempre lo stesso filo conduttore, e adesso vorrei parlarne e confrontarmi con voi.

È un argomento difficile da trattare, ma ci metterò il massimo impegno per essere il più chiaro possibile.

Il 2016 si sta rivelando un brutto anno per quanto riguarda la morte dei personaggi famosi, e questo mi fa riflettere su una cosa.

Ma noi, ragazzi nati verso la fine degli anni 90 ( per chi non lo sapesse, io sono del 1996), quando saremo più anziani, chi potremo compiangere ? Ad oggi, ci sono personaggi che ci stanno cambiato la vita in qualche modo ? ( a parte tutti quei bravissimi ricercatori e dottori, ma che non vengono mai riconosciuti abbastanza, intendo).

Adesso, o comunque negli ultimi anni, stanno passando a miglior vita personaggi che hanno lasciato un’impronta davvero importante nel mondo o comunque nel campo in cui si erano specializzati, che sia esso la musica, la ricerca, la tecnologia, la medicina o altro.

Personaggi che purtroppo noi “più giovani”, non abbiamo potuto goderci al massimo, non abbiamo potuto apprezzare in pieno e  non abbiamo potuto vivere un enorme cambiamento insieme a loro, vedere intere generazioni cambiare e migliorare grazie al loro contributo.

Basti pensare al gradissimo Papa Giovanni Paolo II, Oriana Fallaci, Michael Jackson, la poetessa Alda Merini, Steve Jobs, Whitney Houston, Neil Armstrong, la straordinaria Rita Levi Montalcini, Margaret Thatcher e Margherita Hack. 

O più recentemente a David Bowie, Alan Rickman e Prince. 

Le persone che hanno lasciato un segno, che hanno contributo a creare il mondo in cui viviamo adesso, per evidenti motivi anagrafici, ci stanno abbandonando tutti, e non posso fare a meno di pensare a chi potrà prendere, almeno in parte, il loro posto, a chi avrà ancora qualcosa da raccontare e da lasciarci quando io sarò anziano.

Basti pensare anche a tutti quegli uomini e a quelle donne che sono sopravvissuti alla guerra, alla fame e ai campi di concentramento, all’immensità di informazioni e testimonianze che sono riusciti a darci, a quello che sono riusciti a farci rivivere tramite le loro parole: lo so, è stato un periodo bruttissimo per la storia mondiale, ma solo attraverso la loro testimonianza possiamo non commettere gli stessi errori.

Purtroppo anche loro ci stanno lasciando, e questo vuol dire solo una cosa: perdere un’altro pezzo vivente della storia.

Ora si, ci sono molti cantanti bravi, molte brave persone dello spettacolo, molte e molti fashion blogger, life blogger, YouTuber, Instagrammer e chi più ne ha, più ne metta, però concretamente cosa stanno facendo ? Sono riusciti a trasformare una passione in un lavoro, a farsi conoscere da più persone possibili, a guadagnare molti soldi, ma poi il tutto è finito lì, non ci lasceranno niente di così importante, è questa cosa mi dispiace molto.

Voi cosa ne pensate ? 

Voi siete riusciti ad apprezzare al massimo certe persone ?

Avete sentito la mancanza di qualche personaggio in particolare ?

#theguywhosaidalwaysno 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...