It’s our world!

Questa sera vi volevo parlare di un argomento che dovrebbe stare a cuore a tutti, che ci accompagna quotidianamente e che molto spesso diamo per scontato, superfluo: l’ambiente.

Troppe persone non hanno ancora capito che siamo strettamente legati con la natura che ci circonda e che perciò, se la danneggiamo, per forza di cose andremo a danneggiare anche noi stessi: magari non sarà oggi e neanche domani, ma prima o poi ci ripagherà con la stessa moneta con cui la stiamo trattando.

Quasi ogni giorno, in qualche parte del mondo, ci fa capire e ci manda dei segnali che stiamo sbagliando e superando il limite, tramite terribili uragani, devastanti terremoti oppure lunghissime siccità che mettono in ginocchio intere popolazioni e le loro già fragili economie.

Non vi basta ? Tutta questa devastazione dovrebbe farvi riflettere.

Se non riuscite a vedere oltre il vostro territorio, perché tanto dite ” eh vabbè, succede sempre in paesi lontanissimi, qui da noi non succederà mai”, vi state sbagliando di grosso.

Qui in Italia stiamo assistendo ad uno degli inverni più caldi mai registrati, si parla addirittura di un “non-inverno”.

Non solo ci sono state temperature assolutamente fuori dalla norma, ma la cosa veramente preoccupante è stata la totale assenza di precipitazioni per dei mesi in alcune zone: il Fiume Po ha raggiunto un livello più basso di quanto non fece questo Agosto, vi sembra normale ?

Per non parlare della questione neve, assente sulle nostre montagne fino ad inizio 2016 e oltre.

E adesso ?

Arriva una fortissima perturbazione che è riuscita a bloccare gran parte d’Italia in due giorni e a causare la morte di sette persone: dal nulla al troppo, ormai non ci sono più confini.

Perciò, quelle brutte notizie riguardanti il cambiamento climatico e l’effetto serra, sono già all’interno della nostra quotidianità, inutile negarlo.

Per fortuna ci sono anche delle persone che cercano di cambiare le cose:

(ANSA) – COURMAYEUR (AOSTA), 1 MAR – Un modulo abitativo di 25 metri quadrati provvisto di tutti i servizi e costruito mettendo al centro l’uomo e il suo benessere: è il progetto Biosphera 2.0, ideato da Aktivhaus e promosso dal Politecnico di Torino e dall’Università della Valle d’Aosta, che oggi è stato avviato con l’installazione di un modello abitativo a Courmayeur.

 

http://torino.repubblica.it/cronaca/2016/03/01/foto/biosphere_2_0_la_casa_del_futuro_che_si_addatta_alle_persone-134580572/1/#1

 

http://www.ansa.it/valledaosta/notizie/2016/03/01/al-via-progetto-biosphera-2.0_52551d6b-2d4e-46fa-937f-16bbefa21f5c.html

 

Entrambi i link parlano della stessa innovativa sperimentazione, ma li ho voluti inserire tutti e due così potevate farvi un’idea ancora migliore del progetto, anche tramite foto scattate direttamente sul posto.

Credo sia una bellissima idea, ed è da apprezzare lo sforzo e l’impegno che ci stanno mettendo per creare un futuro migliore.

 

Cosa ne pensate ?

 

#theguywhosaidalwaysno

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...