Am I the problem ?

Vi avevo lasciato, nell’ultimo articolo, con un dubbio: esco o non esco oggi pomeriggio ?

Alla fine sono uscito, e la cosa che più vi dovrebbe stupire è che sono stato proprio io a proporlo: io, la persona con meno voglia sulla faccia della terra ad andare fuori di casa, ho deciso di andare a fare una passeggiata.

Sono stato contento di essere uscito, anche se abbiamo camminato per più di due ore e in questo momento i miei piedi stanno chiedendo aiuto e pietà.

Speravo anche che, uscendo, mi sarei distratto un  pochino e avrei pensato di meno alle cose che non vanno nella mia vita, e almeno avrei passato qualche ora in serenità: purtroppo non è stato così.

Anzi, se devo dirla tutta, forse ha peggiorato anche la situazione.

Continuavo a pensare e a ripensare a tutto, al fatto che non ho amici, al fatto che non voglio mai uscire di casa,  al fatto che non ho mai la voglia/forza di fare qualcosa, al fatto che non so cosa fare della mia vita, al fatto che non ho degli obiettivi e che molto probabilmente tutto questo è solo ed esclusivamente colpa mia: togliete pure il “molto probabilmente”.

In queste ultime settimane credo che l’unica cosa che mi abbia reso felice e mi abbia fatto continuare ad andare avanti sia stato proprio questo blog, il fatto che sia tutto mio e che Io lo debba gestire e curare: è la mia unica creazione e solo Io lo posso far andare bene ( in realtà sappiamo che non è del tutto così, perché ci vogliono anche delle persone che lo vogliano leggere)

Mi sono preso l’impegno di iniziare questa avventura e per adesso è l’unica cosa che mi sta venendo bene e che ho davvero voglia di fare: lo so, sembrerà stupito, ma è realmente così.

Alla mattina so che devo fare un articolo, e lo faccio, so che ne devo fare ( voglio fare) almeno un altro verso sera, e allora mi metto lì a pensare cosa scrivere di interessante e ce la faccio: ovvio, capiterà qualche volta che io non riesca a rispettare questa tabella, ma poi avrei qualcosa in più da raccontare e recupererei con l’articolo successivo.

Cerco anche di organizzarmi al meglio, per creare davvero qualcosa di bello, piano piano.

E mentre scrivo tutto questo non posso non sentirmi ispirato da Lei, la mia cantante preferita, colei che ascolterei dalla mattina alla sera senza stancarmi mai: Adele.

Ho inserito il cd all’interno del computer e già andava meglio: quelle 11 tracce contenute in “25” sono assolutamente la perfezione, dalla prima all’ultima.

Sicuramente prima o poi farò un articolo tutto per lei, perché si merita questo ed altro.

Insomma, in questo post ho raccontato un po’ di cose diverse, tanto per parlare un pochino con voi: a più tardi.

 

 

#theguywhosaidalwaysno

 

 

 

Annunci

9 pensieri su “Am I the problem ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...